martedì 15 aprile 2014

Judy Garland, una triste stella solitaria

Judy Garland

La storia di Judy Garland (1922 – 1969)è una storia triste. E’ la storia di una stella solitaria, che nella vita ha avuto tanti uomini (5 mariti e tanti amanti) ma non ha trovato l’amore. Una donna con un grande talento, ma la cui salute fisica e mentale è stata rovinata dalle dure leggi dello spettacolo. Una donna che ha avuto fama, soldi, successo, ma tutto ciò non le è bastato. Una donna così delusa dalla vita da arrivare a compiere il gesto più estremo, che l’ha portata via per sempre da questo mondo che tanto l’ha fatta soffrire. 
La vita e la carriera


Judy Garland

Judy Garland nasce nel Minnesota il 10 giugno 1922, terzogenita di due artisti di vaudeville. Già all’età di due anni inizia a comparire sul palcoscenico, e solo qualche anno più tardi si esibisce insieme alle sorelle come The Gumm Sisters (il suo vero nome era infatti Frances Gumm). Quando la madre intuisce le potenzialità di Frances, inizia a girare gli Stati Uniti insieme alla figlia facendola esibire in cabaret, night e teatri. Nel 1934 viene notata da Louis B. Mayer degli studio MGM, che le procura il suo primo contratto cinematografico. Nel 1936, a 14 anni, compare come protagonista in alcuni film musicali.
Il grande successo arriva nel 1939 col celeberrimo film Il mago di Oz (The Wizard of Oz), cui seguiranno altri film meno importanti. Il 1943 è un anno decisivo per Judy: fallito il suo primo matrimonio, intraprende una relazione col famoso produttore Joseph L. Mankiewicz che la introduce alla psicanalisi (l’attrice aveva già mostrato evidenti problemi psicologici - leggi il capitolo “La malattia”). Come conseguenza Judy inizia a essere una indipendente dalla madre-manager e a prendere autonomamente le prime decisioni lavorative. Accetta così di girare il film Incontriamoci a Saint Louis (Meet Me in St. Louis, 1944) con il famoso regista Vincente Minnelli. Il film ebbe un immediato successo e tra i due nacque una love story, culminata col matrimonio e la nascita della figlia Liza. In questo periodo i problemi psicologici dell’attrice peggiorano per culminare con il primo dei tanti tentativi di suicidio. L’attività lavorativa ne risente inevitabilmente e Judy viene più volte sospesa dalla MGM per mancanza di collaborazione, fino a essere definitivamente licenziata dallo studio nel 1950. Lascia temporaneamente la carriera cinematografica per dedicarsi alla musica, attraverso una serie di concerti che le porteranno successo e denaro. Nel 1954 è pronta a tornare sul grande schermo col film E’ nata una stella (A star is born), un grande successo che la portò alla ribalta. La vita privata non andava però di pari passo con la carriera: il vizio del gioco del terzo marito, Sidney Luft, portarono infatti la coppia a indebitarsi pesantemente. Nel 1961 interpreta Vincitori e vinti (Judgment at Nuremberg), e due anni dopo il suo ultimo film: Ombre sul palcoscenico (I Could Go On Singing). Gli anni ’60 sono anni molto difficili dal punto di vista sia fisico che psicologico per Judy: le droghe, l’alcol e la malattia ne hanno pesantemente minato il corpo e la mente.
Nel 1968 si sposa per la quinta volta con un dj inglese, e appare in una serie di concerti e spettacoli tv  duettando con la figlia Liza. La sera del 22 Giugno 1969 viene trovata morta nel bagno della sua casa londinese in Cadogan Road, uccisa da un’overdose di dose barbiturici. 

La malattia


Judy Garland

La vita e la carriera di Judy Garland sono state pesantemente condizionate dai suoi problemi psicologici, causati principalmente dall’abuso di farmaci, droghe e alcol. Tutto iniziò durante le riprese del mitico film Il mago di Oz, quando l’allora diciassettenne Judy non riusciva a sostenere i pesantissimi ritmi di lavorazione. Per riuscire a stare al passo con le riprese e i ritmi massacranti dello showbusiness, venne spinta dalla MGM ad ingerire pesanti dosi di farmaci. Si dice che addirittura fosse seguita contemporaneamente da 6 medici diversi che le prescrivevano medicinali, ognuno all’insaputa dell’altro. Judy aveva poi anche la tendenza a ingrassare, e assunse per tutta la vita anfetamine per mantenere sotto controllo il peso. L’assunzione fin dalla giovane età di tutti questi farmaci pesò sulle sue facoltà psichiche e le provocò gravi dipendenze. Soffrì per tutta la vita di alcolismo, allucinazioni e depressione Varie volte venne ricoverata in centri di riabilitazione e varie volte tentò il suicidio.  


Le sue interpretazioni più famose
  • Il mago di Oz (The Wizard of Oz, 1939)
  • Incontriamoci a Saint Louis (Meet Me in St. Louis, 1944
  • È nata una stella (A Star is Born, 1954)
  • Vincitori e vinti (Judgment at Nuremberg, 1961)
  • Ombre sul palcoscenico (I Could Go On Singing, 1963)


I matrimoni e le love story
Judy e il secondo marito, Vincente Minnelli

Il primo marito, David Rose, era un compositore e direttore d’orchestra. Il matrimonio durò due anni, dal 1941 al 1943. 

Vincente Minnelli, il secondo marito, era un famosissimo regista, conosciuto nel 1943 sul set di Incontriamoci a Saint Louis e sposato nel giugno 1945.  Nel 1946 nasce la figlia Liza. Divorziarono nel 1951.

Il terzo marito, Sidney Luft, era un produttore. I due si sposarono l’8 giugno 1952 e lo stesso anno nacque la secondogenita Lorna. Nel 1955 nasce il terzogenito Joey. La coppia affronta molti alti e bassi, dovuti soprattutto ai problemi di denaro causati dalla passione di Sidney per il gioco d’azzardo. Divorziarono nel 1965.

L’attore Mark Henron è il quarto marito. Sposati nel novembre del 1965, i due si separano dopo nemmeno un anno di matrimonio.

Nel 1968 Judy si sposa con il quinto e ultimo marito: il dj Mickey Deans. Rimane sposata con lui fino alla morte, avvenuta un anno dopo. 

- Tra i tanti amanti di Judy Garland i più famosi furono: il produttore Joseph L. Mankiewicz, l’attore e regista Orson Welles, l’attore Tyrone Power (il padre della “nostra” Romina Power), il cantante e attore Frank Sinatra, l’attore Yul Brinner, l’attore James Mason e il giornalista Tom Green.

Curiosità


  • A Grand Rapids, il suo paese natale nel Minnesota, esiste un museo dedicato a Judy Garland 
  • Nonostante una carriera ricca di successi sia come attrice che come cantante, per tutti gli anni ’60 Judy Garland rimase costantemente indebitata.
  • Judy Garland aveva uno spazio tra i denti incisivi, colmato ai tempi delle riprese di Il mago di Oz da una capsula removibile
  • Nel 2002 il giudice federale di Los Angeles ha proibito al terzo marito, Sidney Luft, di vendere l’Oscar giovanile ricevuto dalla Garland per Il mago di Oz. 

Judy Garland


Judy Garland

Judy Garland
Judy Garland con la figlia Liza Minnelli

Judy Garland

Judy Garland
Judy (al centro) insieme alle sorelle in una foto delle Gumm Sisters


Judy Garland


Judy Garland

Potrebbe interessarti anche:

10 commenti:

Audrey Borderline ha detto...

Una bella donna con un grande talento e una triste storia, tra amori finiti ecc.. Certo che sei dottori e varie prescrizioni mediche di farmaci differenti sono un record da paura...un abbraccio a presto

Anonimo ha detto...

Amo Judy Garland. Ma non è stata così triste come è descritta dai giornalisti. Era una donna con uno spiccato senso dell'umorismo che sapeva ridere di se stessa e dei suoi problemi. Aveva problemi di salute come è stato detto, ha avuto problemi finanziari, perché era troppo generosa e si fidava di persone sbagliate, ha cercato l'amore senza trovarlo, ma ha amato i suoi 3 figli alla follia. un sentimento ricambiato, basta sentire le loro interviste. Per chi volesse conoscerla ancora meglio ho una pagina su facebook "Judy Garland conosciamola meglio anche in italia" cliccate su mi piace, e facciamo che anche in italia questo enorme talento sia un po' più conosciuto. Grazie per il bell'articolo!

Strawberry ha detto...

Grande talento e una vita piena di successo, amore, ma anche dolore...
credo che nonostante tutto sarà una di quelle figure che non si dimenticheranno mai...

Andrea Pizzato ha detto...

cavoli che storia :( certo che la somiglianza a sua figlia è tremenda!

Laura Zarri ha detto...

E' stata davvero una grande star, un'ottima attrice e un'eccezionale cantante. Io l'adoro nel film "Il pirata", di Minnelli, con il meraviglioso Gene Kelly. Purtroppo è stata molto sfortunata, a cominciare dalla madre che si è ritrovata. Le dobbiamo molti bei film, e una figlia straordinaria. la grande Liza!

Silvia ha detto...

@Audrey: hai ragione, un bruttissimo record quello dei 6 dottori, soprattutto se si pensa che ai tempi lei non era altro che una ragazzina.
@Anonimo: grazie a te! La tua pagina è davvero molto bella, ti ho lasciato il mio "mi piace" e invito tutti i miei lettori a farlo!
@Strawberry: lo spero proprio, anche se dubito che i più giovani la conoscano. Ed è un peccato.
@Andrea: è vero, la somiglianza con Liza (prima dei ritocchini...) era impressionante!
@Laura: sai che quel film non l'ho visto? Devo rimediare perchè c'è anche Gene Kelly che è uno dei miei attori preferiti!

Xavier Queer ha detto...

Una donna molto eclettica che ha vissuto a 360°.
Grazie per aver commentato nel mio blog!
Un saluto
Xavier

RobbyRoby ha detto...

ciao
non conoscevo questa attrice. Ha vissuto una vita piena di successo ma anche di dolore.
Il mago di Oz quante volte ho visto questo film.

Dominic ha detto...

Solitaria? Cinque mariti, cinque figli, un Oscar a 17 anni, la donna più pagata al tempo... Oggi si lamentano per tutto!

Silvia ha detto...

@Dominic: lo so che può sembrare strano, ma pur avendo avuto 5 mariti ha passato gran parte della vita da sola. Considera che già da ragazzina gli studios la bombardavano di anfetamine per poter reggere i ritmi di lavoro: era considerata una macchina da guerra e doveva produrre continuamente. La sua vita è stata segnata profondamente da questa cosa che l'ha resa dipendente dai farmaci per tutta la vita, con tutte le conseguenze psicologiche che ne conseguono. Non ha davvero avuto una vita facile anche se era una donna famosa. p.s. i figli sono 3