venerdì 30 agosto 2013

Cleopatra - 1963

Qualche mese fa, in occasione del 50° anniversario dell'uscita del film "Cleopatra", il film è stato proiettato nei cinema in versione rimasterizzata. 
Io non avevo mai visto il film e devo dire che pur essendo spettacolare, per i miei gusti è decisamente troppo lungo: passata la terza ora (il film dura 243 minuti cioè più di 4 ore) li avrei uccisi volentieri io con le mie mani Cleopatra e Marcantonio!
Prima di lasciarvi ai consueti approfondimenti sul film, vi lascio le mie considerazioni:

 
 

  • Liz Taylor era veramente bellissima
  • Il Marcantonio di Richard Burton era ben poco marcantonio ma piuttosto mingherlino
  • Cleopatra sarà pur stata bella e intelligente, me era la vera donna fracassamarroni (perdonate il francesismo)
  • In compenso Marcantonio ci ha fatto la figura dell'uomo zerbino
  • Cleopatra non indossava mai lo stesso vestito due volte (almeno nel film)


Gli interpreti

 
Richard Burton (Marcantonio)
Nato nel 1925, ai tempi della realizzazione di Cleopatra era già un divo hollywoodiano e aveva già recitato in altri film storici (La tunica e Alessandro il grande). Durante la sua lunga carriera venne nominato agli Oscar per ben 7 volte, ma non ne vinse nemmeno uno. Si sposò per due volte con Elizabeth Taylor (la loro storia d'amore nacque proprio durante la lavorazione di Cleopatra) dal 1964 al1974  e dal 1975 al 1976.

Elizabeth Taylor (Cleopatra)
Nata in Inghilterra nel 1932 , Elizabeth Taylor iniziò la carriera di attrice ancora bambina, con il ruolo da protagonista nel famosissimo Torna a casa Lassie (1943). Nel 1950 arriva il suo primo film di successo in cui interpreta un ruolo da  adulta, e cioè Il padre della sposa, seguito poi da altri successi come  Un posto al sole (1950), L'ultima volta che vidi Parigi (1954), Il gigante (1956), La gatta sul tetto che scotta (1958) solo per citare alcuni dei suoi più famosi. Quando nel 1960 iniziarono le riprese di Cleopatra, Liz non aveva ancora 30 anni e era già stata sposata 4 volte (in tutto si sposò 8 volte). Fu proprio durante la realizzazione che nacque la love story tra Liz Taylor e Richard Burton, storia molto pubblicizzata dai rotocalchi e anche molto sfruttata dalla produzione per pubblicizzare il film. La loro relazione fu tanto intensa quanto turbolente, e i due si sposarono per 2 volte. Durante le riprese del film l'attrice si ammalò gravemente di bronchite e dovette essere sottoposta a una tracheotomia perchè in rischio di vita. Nel film si nota molto bene la cicatrice sul collo dovuta all'operazione.

Rex Harrison  (Giulio Cesare)
Attore teatrale e cinematografico, nato in Inghilterra nel 1908. Tra le sue interpretazioni più famose My fair lady che interpretò prima in teatro per ben 7 anni e poi nella trasposizione cinematografica (per la quale vinse l'Oscar nel 1964) . La sua carriera subì un'interruzione alla fine degli anni '40 in seguito a uno scandalo che lo coinvolse.
Harrison (che ai tempi era sposato) aveva infatti una relazione con l'attrice Carole Landis, la quale nel 1948 si suicidò dopo aver passato la serata con l'attore. Il suo ritardo nell'avvertire polizia e sanitari contribuirono a creare uno scandalo che portò la Fox a interrompere il contratto con l'attore.
 

La realizzazione

Cleopatra con Elizabeth Taylor

Il progetto originale di Cleopatra prevedeva un budget di 2 milioni di dollari e la regia di Rouben Mamoulian. Complessivamente il film venne a costare 44 milioni di dollari (sforò solamente di 42 milioni!) e divenne famoso per essere uno dei più costosi della storia del cinema. Mamoulian aveva scritturato come protagonisti gli attori Dorothy Dandrige, Peter Finch e Stephen Boyd. Nel 1960, a pochi mesi dall'inizio delle riprese, Mamoulian abbandonò il film. La 20th century fox decise di affidare la realizzazione a Mankiewicz  che scritturò Rex Harris, Richard Burton e la diva Elizabeth Taylor. Ai tempi dell'avvento di Mankiewicz, il film aveva già sforato il budget di 5 milioni di dollari. Durante le riprese la diva Elizabeth Tayloro si ammalò gravemente di bronchite e tutto il set dovette essere trasferito dagli studi di Londra a quelli di Cinecittà. Questo comportò la riproduzione di tutte le scenografie già create per gli studi di Londra e un conseguente ritardo nella produzione e aumento dei costi. Alla fine delle riprese Mankiewicz venne licenziato, ma non avendo utilizzato uno script ufficiale, gli studio non trovarono nessun altro in grado di montare il materiale filmato e furono costretti a chiedere la collaborazione di Mankiewicz  per montare il film.
 


Curiosità

Per il film vennero realizzati la strabiliante cifra di 26.000 costumi. Solo per il personaggio di Cleopatra vennero realizzati 65 costumi diversi. I costumi della protagonista vennero disegnati personalmente dalla costumista Irene Sharaff (di cui vi ho parlat inqueto POST) per un costo totale di 194.800$, il più alto fino ad allora mai speso per la realizzazione di costumi per un singolo personaggio. Renie Conley disegnò i costumi per il restante cast femminile, mentre Vittorio Nino Novarese per il cast maschile. I tre costumisti vinsero l'Oscar.
Il contratto di Rex Harrison prevedeva che ogni volta che Richard Burton comparisse in una pubblicità del film, dovesse comparire anche Harrison.
 
Il film originariamente durava 6 ore e in un primo tempo si pensò di produrre due diversi film: Cesare e Cleopatra e Antonio e Cleopatra. Vennero realizzate 4 versioni del film della durata di 192 minuti, 233 minuti, 320 minuti e 248 minuti.

 

Le location e i premi



Il film è stato girato in ben 8 località diverse (tra scene in studio e esterni) e vennero costruiti 79 set diversi! Le scene vennero girate in:  Almeria, (Andalusia, Spagna), Anzio (Italia), Roma (studi di Cinecittà), Ischia, Egitto,  Malibu,  Londra (PineWOOD Studios)


Cleopatra vinse 4 Oscar:
- migliori costumi, migliore scenografia, migliori effetti speciali, migliore fotografia


11 commenti:

RocknGiu ha detto...

Non l'ho mai visto.. Lei è veramente bella!!
Le tue considerazioni mi hanno fatto piegare dal ridere :D

Audrey Borderline ha detto...

purtroppo no ho avuto modo di vederlo anche se dalle mie parte vi è un the space cinema. Non ti nego che mi piacerebbe anche se non amo molto la Liz Taylor.
p.s. mamma mia quanti costumi da paura!!!
un abbraccio e buona giornata

Rosa ha detto...

ciao silvia, bellissimo film cult, all'epoca fu un colossal, grazie per la recensione e per le curiosita' interessanti, buon week end a presto rosa.)

penelope ha detto...

ciao!prima o poi mi armerò di coraggio e lo guarderò anch'io..per quanto ami il cinema 4ore possono sembrare un'infinità se il film non ti appassiona! la taylor era veramente bella, al contrario della vera Cleopatra...almeno così pare da alcuni documenti storici...chissà!

Strawberry ha detto...

I kolossal di una volta sono sempre affascinanti, anche nella storia della loro realizzazione...
4 ore di smancerie tra Marcantonio e Cleopatra però non sono facili da gestire!:-)

Silvia ha detto...

@Giu:grazie :-)
@ Audrey: i costumi erano veramente fantastici, meriterebbe di essere visto anche solo per quelli!
@ Rosa: grazie cara!
@ Penelope: beh la Cleopatra (bella o non bella) era una maestra di seduzione, dovremmo tutte imparare da lei!
@ Strawberry: io di solito non ho problemi a reggere smancerie (Via col vento non mi fa un baffo!) ma questa volta ho fatto fatica ad arrivarci in fondo!

Giulia S. ha detto...

Non l'ho mai visto e non penso lo guarderò mai, perchè per me un film che dura 2 ore è già troppo :D ihih ma la bellezza e il fascino delle attrici di una volta? Ne vogliamo parlarle!wow. G.

elisa dotcakes ha detto...

Io l'avevo visto anni fa..si lei era fracassamaroni ma era bella da morire.E che make up pazzesco!! Eli

Barbi ha detto...

oh io adoro Liz Taylor!!

L'ARMADIO DI VENERE

L'ARMADIO DI VENERE FACEBOOK PAGE

Silvia ha detto...

@ Giulia: ci vuole una bella dose di coraggio in effetti per sorbirsi 4 ore di film. Lo ammetto.
@ Elisa: è vero, anche il make up era pazzesco!
@ Barbi: anch'io la adoro!

Kylie ha detto...

L'ho sempre visto a spezzoni. Liz era davvero bellissima.

Buon martedì!