mercoledì 31 ottobre 2012

Scarpe scarpe scarpe!

Una selezione di calzature per la nuova stagione A/I 2012/2013 che ho trovato navigando sui siti di moda del web. Queste sono ovviamente le mie preferite, se potessi le comprerei tutte!
Cosa ne dite? 
Quali vi piacciono di più e quali di meno?






1 Casadei
2 Liu Jo
3 Roger Vivier
4 Stuart Weizman
5 Cesare Paciotti
6 Stuart Weizman


domenica 28 ottobre 2012

La Grand Central Station, il cuore di New York


La Grand Central Station è uno dei luoghi simbolo di New York. E’ un punto fermo attorno al quale ruota la vita non solo di Manhattan, ma di gran parte degli Stati Uniti. E’ da qui infatti transitano le metro di New York e i treni diretti in tutti gli Stati Uniti. L’edificio che ospita la stazione è un maestoso palazzo in stile neoclassico, circondato da enormi grattacieli. Al primo sguardo può sembrare un controsenso, ma in fin dei conti non è altro che uno dei tanti contrasti che rendono questa metropoli unica al mondo.

Grand central station, la stazione di New York
La facciata della Grand Central Station di New York, all'ombra del Chrysler Building

Non si entra nella Gran Central necessariamente per prendere un treno o la metro, molti turisti entrano in questa stazione solamente per visitarla (come ho fatto io), per fare un giro tra i suoi 68 negozi, o per mangiare qualcosa in uno dei suoi 35 ristoranti. La Grand Central è un buon punto di partenza per una visita di Manhattan, ma anche un ottimo punto di osservazione se si vuol fare un po’ di people watching!

Grand central station, la stazione di New York
La Silvietta nella Grand Central di New York

Se avete un po’ di tempo leggete qui sotto la storia della Grand Central, altrimenti saltate andate direttamente alla sezione “Curiosità”, dove alcuni aneddoti curiosi vi faranno capire quanto sia speciale questa stazione.
Buona lettura!

La storia
La prima Grand Central venne costruita nel 1871 (l’edificio attuale, nella nuova collocazione tra tra 42nd and 48th Streets, Lexington and Madison Avenue venne costruito nel 1913) nella zona compresa tra Fourth Avenue, 26th and 27th Streets quando i grattacieli ancora non esistevano e tutto intorno c’erano solo case e baracche. L’edificio non era per niente innovativo, e venne considerato obsoleto già al momento dell’inaugurazione. Nel 1898 e nel 1900 venne ristrutturato e ampliato, finché nel 1903 venne indetto un concorso per il progetto della nuova stazione ferroviaria. Il concorso venne vinto dallo studio St. Paul Reed and Stem (guarda a caso la sorella di uno dei soci dello studio era la moglie di William Wilgus, vice presidente della New York Central). Al momento della selezione finale però lo studio non fece trovare il progetto pronto nei dettagli, e dovettero intervenire gli architetti Warren and Wetmore (e guarda a caso Warren era un cugino di William Vanderbilt, presidente della Gran Central). Nel 1904 Warren and Wetmore and Reed and Stem siglarono un accordo e nacque lo studio associato The Associated Architects of Grand Central Terminal. I lavori per la costruzione della stazione durarono 10 anni, durante i quali il servizio ferroviario venne mantenuto nella vecchia sede fino al 1910 (anno in cui venne abbattuta) per poi essere trasferito in una stazione temporanea tra Lexington Avenue and 43rd Street. La nuova Grand Central venne ufficialmente inaugurata Domenica 2 Febbraio 1913 alle 12.01, e ci fu un’affluenza di oltre 150.000 persone.  

Grand central station, la stazione di New York
La Grand Central nel 1913, anno dell'inaugurazione.
A quei tempi non era circondata dai grattacieli come oggi!

All'inizio degli anni ’50 la diffusione delle automobili segnò un inesorabile declino delle ferrovie, le lunghe distanze erano facilmente percorribili in auto, e sempre meno persone utilizzavano i treni. Nel 1954 venne commissionato un progetto per demolire la Grand Central e costruire al suo posto un grattacielo. Per fortuna non se ne fece niente. Vennero comunque apportate delle modifiche alla stazione, come l’abbattimento di una struttura di 6 piani sul retro dell’edificio, al posto della quale venne eretto il Pan Am Building (un grattacielo di 59 piani che oscura tuttora l’interno della stazione). Nel 1967 la stazione venne definita come “edificio storico” e quindi preservata da demolizione. Nel 1969 quando venne presentato un progetto per rimodernare la stazione. Il progetto prevedeva l’abbattimento della facciata e la demolizione di parte della Main Concourse (l’atrio principale) e dell’intera Main Waiting Room (la sala d’attesa principale). La Landmarks Preservation Commission si oppose al progetto, ma la Penn Central (il risultato dell’unione tra New York Central and Pennsylvania Railroads) intraprese una causa contro la città di New York. La diatriba continuò per un decennio finché nel 1976 venne la stazione venne definitivamente classificata come “Edificio storico nazionale” e quindi preservato da ulteriori modifiche.Nel 1983 vennero iniziati i nuovi lavori di ristrutturazione successivamente nel 1990 vennero annessi i negozi della Main Concourse .
Nel 1998 venne effettuato l’ultimo restauro che contribuì a rendere visibile le decorazioni del grandioso soffitto e a ridare splendore a questo meraviglioso edificio. 

Grand central station, la stazione di New York
L’enorme bandiera americana che campeggia nell'atrio 
Venne appesa pochi giorni dopo gli attentati dell’11 Settembre


Curiosità
- Anticamente all'interno della stazione transitava anche un treno molto esclusivo, il 20th Century Limited train (del quale vi ho parlato QUI) sul quale viaggiavano milionari, politici e star del cinema. Questo treno aveva una “stazione” riservata ed esclusiva all'interno della Grand Central chiamata Biltmore Room da dove i viaggiatori potevano arrivare e partire evitando la ressa della stazione. La stanza era collegata direttamente con il Biltmore Hotel (ora il Bank Of America building).
- La Grand Central , durante i suoi centro anni di attività ha ospitato varie attività tra cui una scuola d’arte, una galleria d’arte, un cinema e un museo.
- E’ la stazione ferroviaria più grande al mondo. Ospita 44 banchine e 67 binari disposti su due livelli (41 nel piano superiore e 26 in quello inferiore).
- Alla fine delle due rampe dell’Oyster bar si trova la Whispering gallery (il corridoio del sussurro). Si dice che se una persona si posiziona in un angolo della stanza rivolgendosi verso il muro, possa udire chiaramente ciò che viene sussurrato da un'altra persona rivolta verso il muro dell’angolo opposto della stanza.
- Le decorazioni del soffitto della Main Concourse sono una delle attrazioni principali della Grand Central  L’intero soffitto a volta (alto 45 metri) è illuminato da fibre ottiche ed è dipinto di un bellissimo blu ceruleo, sul quale sono state raffigurate stelle e costellazioni in foglie d’oro. E’ un vero spettacolo, vale da solo la visita alla stazione.
- Prima del restauro del 1998, il soffitto era quasi interamente ricoperto da una patina nera che si riteneva causata dalla fuliggine di carbone e gasolio. Dopo un attento esame si è scoperto che era invece causata da catrame e nicotina da sigari, sigarette e pipe. 

soffito Grand central station, la stazione di New York
All’incirca all’altezza della costellazione dei Pesci  si può notare un buco nel soffitto:
 il buco risale al 1957, quando proprio nella Main Concourse venne ospitato 
il missile americano Redstone, evidentemente più alto del soffitto!

Gli altri miei post su New York:

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su FacebookTwitter Bloglovin

giovedì 25 ottobre 2012

Il blog della Ludo


Quest’autunno mi sta facendo impazzire: prima il freddo, poi l’insonnia da cambio di stagione, la malinconia, lo stress da shopping… E ora è tornato il caldo! Io non ci capisco più niente, mi manca solo la menopausa anticipata e poi ce le ho tutte. Almeno posso ancora andare in giro senza calze e questo per me è di grande conforto. Va beh tesore, questo sarà un post veloce perché devo correre a farmi fare mani e piedi che sono già 3 giorni che l’estetista non me le sistema e proprio non mi sento a posto. Vi volevo aggiornare sui miei nuovi acquisti: come ben sapete sono stata indecisa fino all’ultimo su quale capo acquistare per questa nuova stagione. Per fortuna alcune amiche mi sono state molto vicine e mi hanno consigliata in questo momento difficile della mia vita. Alla fine ho deciso che acquisterò la borsa di pelo di Luis Vuitton: quando ho visto tutto quel pelo non ho più capito niente. E mi sembra anche un’ottimo mezzo di trasporto per Ercolè, quando è stanco di zampettare lo prendo e lo metto dentro.
Non mi resta che decidere dove acquistarla. Cosa dite tesore, la prendo col compiuter o vado in negozio?

La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

mercoledì 24 ottobre 2012

Foulard Lancioni, artigianato di qualità


Come già sapete io ho una passione per foulard, sciape, sciarpine, pashmine e simili (ne avevo parlato nel post Le mille vite del foulard).

In questo periodo sono innamorata di un foulard Lancioni dal quale mi separo raramente.
E' incredibilmente caldo ed avvolgente, e mi piace la sensazione che mi dà sulla pelle. Mi piace avvolgermici dentro e portarlo in un sacco di modi diversi. E poi mi piacciono i suoi colori: il caldo color cappuccino della base crea un meraviglioso contrasto con il vede acqua e il nero dei disegni.


La Silvietta con il nuovo foulard Lancioni modello Jungle,
acquistabile online sul sito Lancioni

Se anche voi siete appassionate di foulard, vi consiglio di fare un giro sul sito Lancioni, dove tra l'altro, fino a fine mese, trovate in promozione  per gli acquisti online il foulard Teschi Nuovi, con uno sconto del 10% sul prezzo di listino.

E per le più esigenti, Lancioni realizza anche foulard personalizzati, per rendere il vostro foulard un vero pezzo unico.

Vi lascio con qualche dettaglio "animalesco" del mio bellissimo foulard.
Cosa ne dite? A me questi dettagli con gli animali fanno impazzire!





martedì 23 ottobre 2012

Evviva la zucca! Idee semplici per decorare con le zucche

Un po' di zucche in vendita per le strade di  New York

Che ne dite di preparare una bella zucca di Halloween?
Tanto per cominciare occorre muoversi un po’ in anticipo e farsi procurare dal fruttivendolo di fiducia delle belle zucche decorative. Direi che una settimana di anticipo è il momento giusto. Intanto che ci siete portatevi a casa anche una zucca di quelle “classiche” che sono tanto buone (leggete tutto il post perché in fondo ci sono due link a 2 ottime ricette a base di zucca)!


Cominciamo con la classica Jack o' lantern





Una volta che abbiamo tra le mani la nostra zucca, non ci resta che decorarla. Armiamoci di coltello (uno appuntito per incidere e uno  un po’ più grosso per tagliare), biro, pennarelli, e che abbiano inizio le decorazioni!

- Tagliamo la calotta superiore e con l’aiuto di un cucchiaio svuotiamo la zucca dei semi e dei filamenti (che, diciamocelo, fanno un po’ schifezza).  Armatevi di santa pazienza perché ci vuole un po' di tempo.

- Con una biro disegniamo sulla zucca gli occhi, il naso, la bocca. Possiamo aiutarci con uno dei tantissimi modelli che troviamo su internet (vi segnalo questo link dove ci sono parecchie zucche decorate, ma su internet ne trovate finché volete). Consiglio di fare il disegno con la biro perché il tratto lasciato è facilmente correggibile nel caso si debbano fare modifiche (cosa molto probabile).

- Una volta definito il disegno possiamo procedere a ripassare la linea con un pennarello in modo da marcare bene dove andremo a incidere.
Armati di un coltello a punta incidiamo la zucca seguendo il disegno che abbiamo appena fatto. Per iniziare cerchiamo di stare ca. 1 cm entro i bordi tracciati, in  modo da lasciare spazio per eventuali correzioni o rifiniture, poi pian piano allargheremo il taglio in modo che non si vedano i segni lasciati dal pennarello.

Ora abbiamo finito di decorare la nostra zucca.
Non ci resta che posizionare la candela al suo interno e spegnere le luci!

Siete delle esperte di Halloween e la “classica” jack o lantern non vi basta più? 

Allora vi segnalo questo link di COUNTRY LIVING dove potete trovare tantissime idee per decorare le zucche. Eccone alcune:






E per chi è alle prime armi?

Cosa ne dite di queste carinissime zucche segnaposto? Prepararle è semplicissimo: basta tagliare la calotta superiore e svuotarle al loro interno (vedi sopra)



E ora che avete decorato la vostra zucca, cosa ne dite di preparare una cenetta a base di zucca?

Queste sono le mie preferite, di GialloZafferano

E siccome qua non si butta via niente… io cucino pure i semi! Come? Li sciacquo ben bene e poi li metto nel forno a 180° per 15’ ca. Se volete potete salarle, ma io le preferisco al naturale. Se non le mangiate tutte subito le potete conservare in un vasetto di vetro ben chiuso.

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su FacebookTwitter Bloglovin


lunedì 22 ottobre 2012

Inaugurato a Parma il nuovo store Borbonese


Il mio personalissimo invito per l'inaugurazione
Sabato pomeriggio si è inaugurato a Parma, nella centralissima via Mazzini, il nuovo store Borbonese. Borbonese è uno dei marchi storici italiani, noto in tutto il mondo per le sue borse dal taglio artigianale e soprattutto per la famosissima stampa OP, Occhio di Pernice, che negli anni è diventato il vero e proprio simbolo del marchio.

Il nuovo store Borbonese si trova nel centro storico di Parma, e dista letteralmente pochi passi da Piazza Garibaldi, cuore della città. L’interno, molto luminoso e il design minimal, esalta al meglio l’eleganza e lo stile raffinato di queste meravigliose borse. Borbonese propone non solo borse (sia da giorno che da sera), ma anche accessori (scarpe, ombrelli, foulard) e capi di abbigliamento che riprendono nei colori e nelle trame i disegni delle borse.

Auguro ad Anna Giulia un grande in bocca al lupo per questa nuova avventura, che sono certa le darà molte soddisfazioni!

Vi lascio con qualche foto scattate durante l’inaugurazione:


La vetrina del nuovo store Borbonese
 inaugurato a Parma sabato 20 ottobre
















Il nuovo store Borbonese si trova a:
Parma,in Via G. Mazzini, 1/B
Tel. +39 0521207251





sabato 20 ottobre 2012

Vorrei essere Jessica Fletcher

Tutti amano Jessica Fletcher, la mitica protagonista di La signora in giallo. C'è che dice  che porti un po' sfiga, ma io non ci credo. Anzi, sapete che cosa vi dico? 
Che io vorrei proprio essere Jessica Fletcher!


giovedì 18 ottobre 2012

Risultati del sondaggio della Ludo “Quale sarà’ l’oggetto del desiderio della Ludo per questa nuova stagione a/i 2012/2013?”


Eccoci finalmente giunti ai momento di rivelare quale sarà l’oggetto del desiderio della Ludo per questa nuova stagione a/i 2012/2013. 
Come vi ricorderete il sondaggio è stato indetto per festeggiare l'importante traguardo di 1 ANNO DI LUDO (leggi qui il post dedicato a 1 anno di Ludo), e se volete ripercorrere le avventure della nostra beniamina non dovete fare altro che guardare i suoi post sotto l'etichetta La Ludo.

E ora il vincitore eletto da voi!
Con ben 5 voti avete eletto come oggetto del desiderio della Ludo per la stagione a/i 2012/2013….

La borsa Louis Vuitton in pelo!




Al secondo posto, con ben 4 voti 
Gli stivali Casadei in suède e pelliccia kidassia rosa fluo e nera (che erano i miei preferiti)


E all'ultimo posto con soli 2 voti:








Il doppio anello Feverish con galline con tanto di piume fucsia



 Ringrazio (anche da parte della Ludo) tutti quanti hanno votato, e vi do appuntamento al prossimo sondaggio!

mercoledì 17 ottobre 2012

Il blog della Ludo


Tesore è arrivato l’autunno, e non so a voi, ma a me fa venire la malinconia. Ricominciare a farsi le lampade per mantenere l’abbronzatura, guardare e riguardare tutte le vetrine del centro per scegliere i capi da acquistare per la nuova stagione, e il lavoro, quanto lavoro in queste settimane: certi giorni arrivo addirittura a fare 4 ore filate senza interruzioni.
Non potete nemmeno immaginarvi che stress. E poi, non so voi, ma io con il cambio di stagione io sono tutta sballata, la notte non dormo e comincio a pensare, pensare a tutte le cose belle che vedo nelle vetrine, e non mi so decidere su cosa acquistare. Non posso andare avanti così. Qualche consiglio per curare l’insonnia? Ho provato a contare le pecore, ma mentre saltano lo steccato si trasformano in morbidi smanicati in pelo…

La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

Nuovo post su Style: La globalizzazione ucciderà lo shopping?

Nuovo post su Style


Questo il link: La globalizzazione ucciderà lo shopping?



lunedì 15 ottobre 2012

New York, New York.....


New York è una città indescrivibile. Qualsiasi parola non renderebbe l’emozione che si prova camminando per le strade di questa metropoli.  Ti stupisce continuamente, ogni quartiere è così diverso dall’altro che a volte non ci si rende conto di essere sempre all’interno di Manhattan. Si passa dal silenzio dell’Upper East Side, con gli eleganti condomini abitati dai ricconi, al caos infernale di Midtown, piena di negozi, venditori ambulanti, polizia, ambulanze, per passare poi alla quiete calma del Village, pieno di deliziosi ristorantini e piccoli negozi chic, e poi a Chelsea dove gli studi degli artisti ricavati dalle vecchie industrie ti fanno quasi sentire in Europa. Insomma ce n’è veramente per tutti i gusti. Qualsiasi cosa cerchiate a New York la troverete sicuramente. 



Ed ecco cosa ho trovato io a New York, e cosa più mi ha emozionata!

sabato 13 ottobre 2012

Bianco e nero eternamente chic A/I 2012/2013

Non so cosa farci, a me l'abbinamento bianco e nero fa impazzire. Già l'anno scorso avevo dedicato un post a questi due colori (Bianco e nero eternamente chic), e quest'anno mi sono ritrovata senza nemmeno rendermene conto a fare un post fotocopia di quello dello scorso anno.

Questo è l'outfit che ho ideato con in capi delle collezioni A/I 2012/2013:


Senza titolo #66

E qui i dettagli degli abiti e degli accessori dell'outfit:

giovedì 11 ottobre 2012

Il blog della Ludo


Quest’anno ho deciso che Gian deve cominciare a svegliarsi un po’. Ormai è in quarta elementare e deve essere autosufficiente. Io sono una mamma single imprenditrice e pure a caccia, quindi non ho tutto questo tempo da stargli dietro. Quest’anno non andrà più a scuola in taxi come l’anno scorso, ma ho deciso che ci andrà in bici. Gliene ho comprato una bellissima tutta rosa, e gliel’ho decorata io personalmente con piume e frange come detta la moda del momento (ovviamente). Chissà che invidia i suoi compagni quando lo vedranno arrivare a scuola in sella al due ruote super fashion! Gli ho pure fatto montare il cestino foderato in raso rosa con degli uccellini ricamati. Sempre parlando di scuola, l’altro giorno c’è stata la consueta riunione scolastica di inizio anno, ma io non avevo tempo e ci ho mandato la Prima. E ho fatto molto male, perché mi ha detto che quest’anno Gian ha in classe la figlia del primario di Chrurgia estetica della Clinica Donna Bella. Che tra l’altro mi risulta essere divorziato e pieno di pila e ha pure una casa a Cortina e una in Sardegna. Altro che il papà di Gianantonio, questo sì che me lo devo curare!

La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

giovedì 4 ottobre 2012

Buon compleanno... A me!


Ho fatto una pazzia. Lo so che non è da me. Io non faccio pazzie, non ne ho mai fatte. 
Da dove comincio?

Comincio da oggi, che è il mio compleanno.
E visto che è il mio compleanno ho tutto il diritto di farmi un regalo, vero?

C’era un’idea che da qualche anno mi ronzava per la testa. Ma era un po’ una pazzia, una di quelle cose che uno dice “Sì mi piacerebbe, ma non lo farò mai”.

C’erano un sacco di buoni motivi per non realizzarla: i soldi che non è che poi abbondino (non so voi ma io non ho la fortuna di trovarli al mattino sotto al cuscino), il tempo che è sempre troppo poco, le ferie da chiedere in un periodo in cui di solito non si va in ferie, la gente che ti fa i conti in tasca (quelli non mancano mai), gli invidiosi che fondamentalmente vorrebbero fare anche loro quello che fai tu ma non lo fanno e quindi si sentono in diritto di giudicarti, insomma un sacco di cose.

Poi mi sono chiesta: ma se non lo faccio adesso, quando lo farò?
Forse mai. E lo rimpiangerò per tutta la vita.

Quindi, l’ho fatto.

Anzi, lo sto facendo proprio ora: mentre voi state leggendo questo post, me ne sto volando a New York!




P.S. Per ovvi motivi l'appuntamento con la Ludo è rimandato alla prossima settimana

martedì 2 ottobre 2012

Caro diario... mese di Settembre

Questo mese di settembre è stato un po' fiacchino, anche se è iniziato con un bellissimo week end marino. Ecco cosa ho fatto:

Week end a Rimini

La Silvietta a Santarcangelo di Romagna
Abbiamo approfittato di un’offerta di Groupon per concederci un week end a Rimini. Il tempo per fortuna è stato dalla nostra parte, e ci siamo goduti 3 giorni di sole. Ma di questo week end e del mio personale Amarcord vi ho già parlato in questo post, non voglio annoiarvi oltre…


Open Day Spa Clarins spa 

Il mio mini kit omaggio della Day Spa Clarins di Parma
Giovedì 13 e venerdì 14 si sono tenuti 2 giorni di open day presso la Spa Clarins di Parma. Grazie a un cambio dell’ultimo minuto con la mia amica Francy sono riuscita a prenotare (appena in tempo) un appuntamento per un trattamento viso gratuito. Il trattamento è durato una mezz’oretta, ed è stata una vera e propria coccola di relax: luci soffuse, musica ambient, mani sapienti che mi detergevano e massaggiavano il viso, e i deliziosi profumi dei prodotti Clarins. Insomma, il week end non poteva iniziare meglio! E per non farmi mancare niente ho anche approfittato della promozione per cui acquistando un trattamento viso ne avevo in omaggio un trattamento corpo di pari valore.




Serata mondana da Parmamotors 
 
Sotto il telo la nuova BMW
Non chiedetemi il modello perchè non lo so...
So solo che costava "solamente" € 55.000!
Il 20 settembre Parmamotors, concessionaria di Parma per BMW e Mini, in occasione del cambio di proprietà e del lancio della nuova BMW (non chiedetemi il modello perché proprio non ne ho idea) ha organizzato un party. Quale migliore occasione per andare a caccia della Ludo? Un party esclusivo (che di esclusivo non aveva niente perché era aperto a tutti), era l’occasione perfetta. La Ludo doveva esserci per forza. E infatti c’era. Io e la mia amica Francy ci siamo mimetizzate tra la folla (perché quando si mangia e si beve gratis c’è sempre folla) alla ricerca dell’incarnazione della Ludo. E l’abbiamo trovata: abbronzatissima, capelli lunghi un po’ rovinati, età bella avanzata, e un bellissimo miniabito bianco che risaltava le sue forme un po’ cadenti. Una meraviglia. La scena più bella della serata? Una tardona in abito da sera (che evidentemente aveva alzato un po’ il gomito) coricata dentro il baule dell’auto in esposizione. 




Shopping all'outlet!
I miei nuovi jeans acquistati
con la promo "Destination Denim"
Sabato 22 e domenica 23 sono andata in giro per outlet (outlet di Boretto, Fidenza Village e Fidenza shopping park, una vera e propria full immersion). La missione era trovare un paio di francesine basse ed eventualmente qualche indumento da palestra (sto per imbattermi in una nuova avventura): neanche da dire che poi le francesine non le ho trovate. Sono comunque soddisfatta dei miei acquisti, soprattutto perchè ho trovato i jeans (per me andare a caccia di jeans è sempre una tragedia, prima di trovarne un paio che mi stia bene ne devo provare una decina).

Finalmente è arrivato l'autunno


Gli alberi del parco di Villa Meli Lupi di Vigatto







L'autunno è la mia stagione preferita e, quando arriva mi riempie di gioia (lo so che alla maggior parte della gente fa l'effetto contrario, ma per me è così). Gli alberi si colorano di colori caldi, per terra si riempie di foglie, il sole di giorno scalda ancora, mentre di sera comincia a calare sempre un po' più presto, ci si rifugia in casa, si cominciano a chiudere le finestre e magari ci si scalda con un bel thè caldo. Tutto questo mi piace tantissimo. Insomma, l'autunno è il periodo dell'anno che preferisco. Queste foto le ho scattate domenica 30 Settembre, ultimo giorno del mese, durante una rilassante passeggiata nel del Parco di Villa Meli Lupi, aperto in occasione di una manifestazione dedicata al vino.


Caro diario ti saluto e ti do appuntamento a Ottobre, il mio mese preferito (nonché il mese del mio compleanno). E vi preannuncio che ci saranno un sacco di cose interessati!