venerdì 27 maggio 2011

Ballando con le stelle USA

Anche gli Stati Uniti, come quasi tutti i paesi del mondo, hanno la loro versione di Ballando con le stelle (che si chiama “Dancing with the stars”). Si è appena conclusa la 12° stagione (è dal 2005 che vanno avanti) e il vincitore è stato Hines Ward (che non so chi sia, a dimostrazione del fatto che anche negli USA partecipano personaggi non prorpio famosissimi….). Ho scuriosato un po’ su internet per vedere le varie “star” che hanno partecipato negli anni, e queste sono le più interessanti (almeno per me):




1) Jennifer Grey -  la Baby di “Dirty dancing” che ha anche vinto l’edizione del 2010 (era il minimo). Lo so, è irriconoscibile (oltre alla rinoplastica si è fatta “leggermente” tirare…), ma assicuro che è lei.

E' irriconoscibile ma è lei!


2) Shannen Doherty - la mia adorata Brenda. Veramente l’adoravo fino a qualche minuto fa, quando ho letto su Wikipedia che è una repubblicana e ci sono rimasta molto male. Rimane comunque il mio idolo adolescenziale!

3) Joe McIntyre  - cantante dei New Kids On The Block (il mio gruppo preferito da giovane, una delle prima boy band americane!)

A seguire segnalo:

Jennie garth – Kelly di Beverly Hills

Ian Zering – Steve di Beverly Hills (lui è sempr uguale)


Miachael Hasselhoff di Supercar


Ralph Macchio – l’aspitante karateka di Karate Kid


Kirstey Alley – la protagonista di “Senti chi parla”. Decisamente "fuori forma", anche se dice di essere dimagrita dopo aver partecipato al programma…

Mah....

venerdì 20 maggio 2011

La mia prima volta in Grecia

La mia prima volta in Grecia è stato 10 anni fa con un viaggio organizzato. Avevamo prenotato tramite agenzia il pacchetto che comprendeva volo e albergo per Kos, di quelli che si scelgono sfogliando il catalogo con le foto (mi sembra di parlare di cose di un’altra epoca…). Io non avevo nemmeno mai preso l’aereo. Appena scesi, siamo saliti su una corriera che ci avrebbe condotto ai nostri alloggi, insieme agli altri che avevano prenotato tramite lo stesso nostro tour operator. La stragrande maggioranza erano coppie e famiglie destinate a villaggi turistici. Mi ricordo che non si arrivava più, e man mano che la corriera falciava la strada intorno, vedevo solo capre e terra arsa dal sole. E io mi domandavo: “Ma dove cavolo siamo andati a finire???”. Poi siamo arrivati al nostro albergo, l’hotel International. 



Il magnifico Hotel International a Kos

Elogio della Grecia

Quest’estate tornerò in Grecia per la 5° volta (e non vedo l’ora!). Sono passati 10 anni da quando ci sono andata per la prima volta e quest’anno abbiamo deciso di tornare sull’isola di Kos, proprio dove siamo stati 10 anni fa.



giovedì 19 maggio 2011

Auchtermuchty e il Cycle pub

Tanti, tanti anni fa ho avuto la fortuna di visitare un meraviglioso paesino che racchiudeva in sé la quintessenza della Scozia. Già il nome del paese era meraviglioso (anche perché quasi impronunciabile per uno straniero): Auchtermuchty. 

Alberghi con stanze... ridotte


Per la serie "Strano ma vero".... Parliamo oggi di alberghi con stanze ridotte (molto ridotte). Per fortuna non mi è mai capitato di soggiornare in un albergo con micro stanze, ma non si sa mai cosa aspettarsi dietro alle offerte supervantaggiose che si trovano in giro. Ecco una selezione dei 3 alberghi sparsi per il mondo con micro stanze.


 Il 9Hours capsule hotel di Kyoto - Giappone



 Il 9Hours capsule hotel di Kyoto

Siete un pendolare e lavorate a Kyoto: avete perso l’ultimo treno per tornare nel vostro appartamento in periferia e volete schiacciare un sonnellino solo per qualche ora senza spendere una follia. Come fare? Potete soggiornare al “Nine hours”. E’ nel centro città e dispone di ben 125 camere (o meglio capsule) ognuna arredata in stile minimalista. Potete occupare la capsula per un minimo di 9 ore fino a un massimo di 17 (ma probabilmente appena riaprirete gli occhi non vedrete l’ora di lasciarla libera).

Gli Yotel di Londra (Heathrow and Gatwick) e Amsterdam (Schiphol airport)

Yotel di Londra e Amsterdam

Siete in aeroporto, siete appena scesi da un volo di 10 ore durante il quale siete stati seduti, praticamente senza avere mai la possibilità di alzarvi, tra marito e moglie obesi e avete appena perso la coincidenza. Non disperate! Nei Yotel situati all’interno degli aeroporti di Amsterdam e Londra potete fare una pennichella e addirittura lavarvi. Si può scegliere tra la camera “standard” con letto singolo e piccola doccia (sarà uno spriccino per annaffiare le piante?) o la “premium” che è di ben 10 mq, ha un letto a due piazze, una scrivania e una doccia (si presuppone di dimensioni normali).


 Gli EasyHotel nelle principali capitali europee

easyhotel

Volete semplicemente spendere poco e soprattutto non soffrite di claustrofobia? Allora gli easyHotel ( della compagnia aerea low cost Easy Jet) fanno per voi. Ogni stanza misura dai 7.5 ai 9 mq (esiste anche la “Special needs room with window” che arriva a misurare all’incirca 13.5mq), non tutte hanno la finestra e quasi tutto è un optional! Il prezzo per una camera doppia con finestra per l’albergo di Berlino per esempio è di 35€ per notte. Tutte le stanze hanno aria condizionata (e lo credo, non hanno la finestra!) e sono dotate di appendiabiti. Se poi desiderate la tv, basta pagare 5€ al giorno per il telecomando. Serve il Wi-Fi per internet? 3€ al giorno! Sei così disperato da voler rimanere per più di una notte e vorresti magari che ti pulissero la stanza? 8€ per le pulizie e cambio della biancheria. Se invece vuoi farti un thè o un caffè, non puoi perché è vietato l’utilizzo di apparecchi elettrici (il rasoio elettrico si potrà usare?).



mercoledì 18 maggio 2011

Il grande Gatsby: il film

Nel 2012 uscirà il remake (veramente sarebbe il re-re-remake dopo quello del ’74 e la prima trasposizione cinematografica del ‘49) del film “Il grande Gatsby” ed avrà come interpreti Leonardo di Caprio (nel ruolo di Gatsby, che fu di Robert Redford) e Carey Mulligan (in quello di Daisy Buchanan, che fu di Mia Farrow). Si dice che il film porterà una ventata di jazz non solo nel cinema, ma anche nel mondo della moda. Non vedo l’ora!



il grande gatsby, robert redford, mia farrow
Robert Redford e Mia Farrow ne film del 1974


il grande gatsby, leonardo di caprio
Leonardo di Caprio


il grande gatsby, carey mulligan
Carey Mulligan

martedì 3 maggio 2011

Daniele, ma cosa hai fatto? Non ti riconosco più!

Da un po’ di tempo si sente per radio il nuovo singolo di Daniele Silvestri. Incuriosita, sono andata sul suo sito per vedere se per caso c’era qualche data del tour a Parma o nelle vicinanze. Risposta: no. Sul sito però ho trovato le sue nuove foto, cioè le foto di come è adesso…. Ma cos’ha fatto? Si è tinto i capelli? Si è fatto il lifting? Non sembra neanche più lui. E poi con quell’abbigliamento così ricercato…
Daniele, si vede che non è farina del tuo sacco! Tu non sei così, tu te ne sei sempre fregato dell’abbigliamento, hai sempre dato importanza alle tue canzoni, alle tue idee, non alle cose futili… E adesso cosa sono quei gilet, quelle giacchettine tutte sfiancate, quei giubbini di pelle da finto rocker, quella finta barba incolta (la tua era VERA barba incolta, questa che hai adesso si vede finta incolta)….
Io ti ricordavo in felpa e scarpe da ginnastica. Ma cosa mi combini? Anche tu ti sei lasciato andare alla legge del consumismo, anche tu vuoi piacere a tutti, vuoi conquistare i giovani…
Daniele, non ti riconosco più!

Ti avevo conosciuto così....

A me piacevi così, semplice e naturale

Mi ero anche adattata a vederti così, un po' più "fashion" ma sempre mantenendo il tuo stile...

E ora ti ritrovo così!

Non ti riconosco più.... :-(

lunedì 2 maggio 2011

Il duello tra Barack Obama e Donald Trump

In questi giorni si è parlato (oltre che della beatificazione del Papa e del matrimonio di Will e Kate) dello show di Barack Obama durante l’annuale ricevimento dell'Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca. In pratica il buon Obama, stanco di essere continuamente accusato da Donald Trump e dai suoi seguaci di non essere nato negli Stati Uniti ma in Kenya, ha esibito il proprio certificato di nascita. Non soddisfatto, ha anche voluto ironizzare su tutta la faccenda mostrando uno spezzone del film “Il re leone” spacciandolo come “Le immagini dei miei primi momenti di vita”. Donald se ne stava tra il pubblico seduto al suo tavolo sforzandosi di ridere alle battute, ma ha accusato il colpo. Ma Obama non aveva ancora finito, ha anche aggiunto che se Trump si dovesse insediare alla Casa Bianca la trasformerebbe in un casinò!
Ma da dove nasce tutta questa faccenda? Dal fatto che il mega milionario Donald Trump con ogni probabilità si candiderà alle elezioni del 2012 per il partito Repubblicano e quindi contro Obama. Questo riccone che si vuole candidare in politica mi ricorda qualcuno…
Comunque, Donald Trump è famoso, oltre che per i suoi soldi, per i vari casinò che ha sparsi in giro per il mondo, e per le mogli (la più famosa è Ivana Trump, che in Italia conosciamo soprattutto per essere stata sposata anche con l’italiano Stefano Rubiconi che partecipò all’Isola dei famosi proprio in veste di mariti di Ivana), ma soprattutto per i capelli!!!!!!!!
Io non ho mai capito se porta un parrucchino o se sono capelli suoi acconciati da un ingegnere.

Donald Trump (notare l'acconcoatura)

In versione spettinata
Ivana Trump, la prima moglie

Ivana Trump con Rubiconi

Con l'ultima moglie, Melania Knauss, e il figlio Barron William

Con la figlia Ivanka

domenica 1 maggio 2011

Gita a Sabbioneta

Sabato pomeriggio, anche se il tempo non era dei migliori, ho fatto una gita culturale a Sabbioneta. Compagna di viaggio la Betta. Appena arrivate sembrava un paese disabitato: nemmeno un anima in giro. Pian piano poi è sbucato qualche gruppetto di turisti: una comitiva di francesi, una scolaresca puzzolente (che ci ha accompagnato per tutto il pomeriggio), e due giapponesi. Ma il clou del pomeriggio è stato raggiunto alle 6, quando la chiesa si è riempita per la messa.

La galleria del Palazzo Giardino. La cosa che mi ha lasciata sbalordita di questa galleria è che non porta da nessuna parte: finisce semplicemente con una finestra!